lunedì 14 agosto 2017

Una prelibatezza per Ferragosto.....

Eccomi con una ricetta particolare e con un prodotto che non conoscevo ma che merita notevolmente le melanzane..... perline!
Sono piccoline, tenere a vedersi, dolci a mangiarle. Potete fare questa ricetta anche con le melanzane viola normali ma queste mi hanno incuriosita e attratta. Solo se usate melanzane normali mettetele con il sale a perdere l'amaro.

Eccovi come le ho preparate e i tempi di cottura che sono veramente brevissimi.

Ingredienti:

400 gr di melanzane perline (o viola)
1 gambo di sedano
1 tazza di pelati
1 manciata di olive nere denocciolate
1 manciatina di pinoli
1 cipolla rossa di tropea
1 manciata di capperi sciacquati dal sale
Prezzemolo
Basilico
Peperoncino privato dei semi e tagliato a pezzettini
1 pizzico di origano
sale
olio evo
1 bicchierino di aceto balsamico
1/2 cucchiaino di zucchero di canna

Dovete pulire le melanzanine e tagliarle a pezzi di circa 10 cm. Mettete la cipolla affettata in padella con un filo d'olio e fatela imbiondire. Appena ha raggiunto la sua doratura aggiungete tutti gli altri ingredienti tranne l'aceto e lo zucchero. Potete salare anche.

Coprite e fate cuocere per circa 15 minuti. Sono tenerissime e si cuocciono in fretta. Poi aggiungete l'aceto balsamico e lo zucchero. Un delicata mescolata e fate andare altri 5 minuti. Lasciate coperte e spegnete il fuoco. Possono essere mangiate sia fredde sia calde. Io ho optato per il caldo perchè non ho resistito. Dolci, tenere, avvolgenti..... Un buon Ferragosto a tutti con un consiglio di un blog amico.
Condivido volentieri il blog Pomodoro&Basilico di Francesca. Un blog Amico per noi e per i nostri amici animali. E' di una giovane Donna che merita molti consensi perchè in fatto di semplicità e esplosioni di sapori direi che è veramente grande! Lei si presenta cosi:
"Buongiorno a tutti! Mi presento, sono Francesca e mi piace molto cucinare. Sono vegana da poco più di due anni perciò sono "nuova" ma la passione compensa l'esperienza. Da questo è nata l'idea della pagina e del blog Pomodoro&Basilico. Ricette rustiche e golose per provare nuovi gusti e sapori, sia per chi è vegano da una vita, sia per chi cerca piatti sani e golosi, ma soprattutto gustosi!"
E allora benvenuta Francesca che in soli due anni sei riuscita a far meraviglie con il tuo blog e la tua pagina FB:

Pomodoro&Basilico

domenica 30 luglio 2017

Una delizia dell'estate..... anzi due!

E' vero latito dal blog. Ho bisogno ogni tanto di staccare la spina ma non per questo rinuncio a provare e gustare nuovi sapori e nuove consistenze completamente cruelty free. Ed oggi non una ma ben tre ricette insieme.....


e per accompagnamento:




Diciamo che ho sfruttato le delizie dell'orto di questo periodo, fiori di zucchine e pomodori ed ecco il risultato.

Ingredienti:

Fiori di zucca
250 gr di tofu
Menta
Prezzemolo
Sale 
Pepe
Olio evo
Pangrattato aromatizzato all'aglio 

Per la salsa d'accompagnamento:

Pomodorini
1 spicchio d'aglio spremuto
Succo di limone
Sale
Pepe
Olio evo


Cominciamo con la preparazione del ripieno dei fiori di zucchina. Sbriciolate con il minipimer il tofu al quale aggiungerete la menta tritata finemente il prezzemolo solamente le foglioline, il sale e il pepe e un filino d'olio.




Se il composto è troppo molle aggiungete del pangrattato che avrete mischiato a dell'aglio tritato. Cominciate a riempire i fiori di zucca dopo averli puliti e privati della parte interna. C'è chi la usa ma non in questo caso. 



Richiudete delicatamente ogni singolo fiore in modo che l'interno non fuoriesca e metteteli in una teglia su carta da forno:



Quando avrete completato il lavoro con le zucchine  e sicuramente avanzerà del ripieno fatene delle polpette che passerete nel pangrattato aromatizzato prima di metterle nella teglia. 




A questo punto prima di metterle in forno caldo a 180 gradi cospargete la superficie delle zucchine con l'avanzo di pangrattato, una spruzzata di olio evo, una macinata di pepe e....dritte in forno per una mezz'oretta.

Nel frattempo che si cuocciono in forno le nostre prelibatezze, procediamo con la salsa di accompagnamento. Lavate e tagliate a metà i pomodori. Privateli del sugo e dei semini che però non buttate. Ci potrete fare altre cosine buone. Lasciateli capovolti dopo averli salati per una decina di minuti per renderli ancora più asciutti. Frullateli con il minipimer con l'aglio ridotto in poltiglia, un pochino di succo di limone e a filo fate andare l'olio in modo che monti proprio come la maionese. 

A fine cottura potete servire fiori, polpette e salsina di accompagnamento.... Un ottimo connubio che si può mangiare anche a temperatura ambiente.


Vi assicuro che quete polpettine hanno un loro perchè!!!

lunedì 17 aprile 2017

Insalata di patate speciale x Pasquetta

Auguri per una giornata di svago, divertimenti e relax!
Eccovi una ricettina semplice che potrete fare per i vostri picnic. Un'insalata di patate speciale ma semplice.



Ingredienti:

1 kg di patate
1 yogurt non zuccherato
2 mele
1 spicchio di aglio
erba cipollina
olio evo
sale
pepe

Lessate le patate con la buccia dopo averle lavate. Mentre si stiepidiscono e prima di spellarle preparate la salsa con cui condirle. Invece della solita maionese questa salsina è speciale e leggera. Tagliate le mele a dadini, unitele allo yogurt, allo spicchio d'aglio e ad un pizzico di sale. Frullate il tutto aggiungendo olio evo a filo come per la maionese. Appena avrete ottenuto la cremosità desiderata condite le patate spellate e tagliate a pezzetti. Aggiustate di sale, pepe e erba cibollina tagliata anch'essa a pezzettini. Servite fresca e ditemi che cosa ne pensate.

Volendo potete aggiungere anche qualche gheriglio di noce sbriciolato. L'insieme vi lascerà in bocca un piacevole sapore di..... primavera.

Auguri di nuovo per questa giornata dedicata al riposo e allo svago!!!

domenica 16 aprile 2017

Tortano o casatiello vegano ovviamente.....

 A Pasqua sulle tavole partenopee non manca mai il casatiello salato e/o il suo “cugino” Tortano.
A me piacevano molto quando ero onnivora e non vedo perchè devo rinunciarci ora che sono vegana. In fin dei conti sono due torte rustiche corpose e ricche, dei pani che hanno anche una forte simbologia cristiana. La loro forma ad anello rappresentano infatti la corona di spine del Crocifisso.
Sono rustici con un bel carattere deciso e quindi mi si addice..... 
 Il mio è più un tortano che un casatiello perchè non ci sono le classiche uova chiuse a croce, anzi non ci sono proprio le uova ma ho rispettato le altre caratteristiche
Questo rustico è un vero tripudio di sapori che secondo me ci potremmo concedere anche in altri momenti dell’anno.

Ingredienti:

600 gr di farina 0
400 ml di acqua tiepida
25 gr di lievito (una bustina per pizza)
125 gr di burro di soia (potete usare anche la margarina non idrogenata)
100 gr tra tofu affumicato e panna di soia
150-200 gr di affettato vegetale
100 gr di peperone rosso
1 manciata di olive nere denocciolate
1 manciata di pinoli
12 gr di sale
pepe come se piovesse!!!

Incominciate preparando la pasta del pane impastando la farina con 120 gr di burro di soia o margarina a temperatura ambiente, l'acqua tiepida ed il sale fino ad avere un impasto morbido ed elastico. Per l'acqua però vi dovete regolare in base alla farina che usate.  Qui di seguito mi vedete presa a tradimento mentre impastavo..... :D




Fate una palla con l'impasto e mettetelo a lievitare coperto e al calduccio..... circa per due ore.
Dedicatevi alla preparazione del ripieno. Eccovi il mio che era fatto di olive, peperone, tofu affumicato, salame vegano, polpettine sbriciolate, pinoli, sale e tanto pepe.





Dopo circa un paio di ore trasferite l'impasto su di un piano di lavoro leggermente infarinato, stendetelo con le mani formando un rettangolo e cospargetelo con il ripieno che avete preparato. Arrotolatelo, chiudendolo bene ai lati per non far uscire il composto e alla fine avrete una ciambella come questa che andrà messa in una tortiera imburrata e infarinata a dovere:

Il più è fatto, ora basta infornarla per circa 45/50 minuti a forno caldo, cottura a circa 200 gradi. Il risultato finale sarà questo:


Che dire? Credevo fosse più difficile ma invece mi sono divertita e il risultato è stato sorprendente anche per me..... Di nuovo buona Pasqua a tutti!!!!

Buona Pasqua!

Dopo un'assenza dal blog eccomi pronta a farvi gli auguri di Buona Pasqua con tante novità:



L'assenza dal blog serve ogni tanto. In questi mesi ho vissuto, gioito, pianto, ma la cucina è sempre nel primo posto della scala della mia vita. E così mi piace sperimentare, provare, azzardare. Eccovi un anticipo dei miei esperimenti. Una tavola piena di leccornie, tutte cruelty free, tutte senza sangue ma con tanto amore. Promesso che in questi giorni di vacanza posterò le ricette. Soprattutto della versione vegana del casatiello:

 
 In casa abbiamo un profumo meraviglioso di dolce e salato... Oggi proveremo il casatiello, la torta al formaggio, la colomba, la pastiera e una torta  pasqualina a modo mio.... 

domenica 15 gennaio 2017

Lenticchie rosse al melograno

Adoro le lenticchie, non importa il colore che hanno, mi piacciono proprio tutte. Però le lenticchie rosse sono le mie preferite. Ed eccovi allora un primo caldo e avvolgente per questi giorni di freddo intenso.

 Ingredienti:

1/2 cipolla bianca
1 carota
1 spicchio di aglio
1 pezzo di zucca tagliata a dadini
300g di lenticchie rosse
3 bicchieri di brodo vegetale
1/2 cucchiaio di curry
1/2 cucchiaio di cuminio
1/2 cucchiaio di curcuma
olio evo 
sale
pepe nero
prezzemolo fresco
1/2 melograno


 Cominciate con il lavare le lenticchie rosse molto bene.




Tritate a dadini la cipolla, la carota, la zucca e lo spicchio di aglio. Fate rosolare il tutto in una pentola con un filo d'olio. 
 
 
  Versate a questo punto le lenticchie e rosolatele leggermente prima di aggiungere il brodo vegetale caldo. Appena prende il bollore aggiungete le spezie alla zuppa cominciando con 1/2 cucchiaio di curry, 1/2 cucchiaio di curcuma, 1/2 cucchiaio di cumino e una spolverata di pepe nero e solo successivamente, dopo aver assaggiato la zuppa, decidere di aggiungere un altro po' di spezie se preferite dare un sapore più deciso al vostro piatto.
 

Cuocete per 20 minuti circa allungando con del brodo se necessario.
A cottura ultimata aggiungete alla minestra del succo di melograno estratto mentre lo pulite, del prezzemolo tritato e lasciare riposare qualche minuto prima di servire aggiungendo alla zuppa una generosa manciata di chicchi di melograno.
Il melograno farà la differenza con questa zuppa dai sapori orientali, donando la giusta croccantezza e freschezza. Vi ritroverete in bocca un'esplosione di sapori che vi lasceranno senza parole portandovi ancora una volta in mondi lontani da scoprire.




domenica 8 gennaio 2017

Che ne dite di un sartù di riso?

Fa freddo e ho bisogno di comfort food per sopravvivere all'inverno che non è la mia stagione preferita e allora eccovi un buonissimo sartù di riso in versione veganissima ovviamente:



Ingredienti:
500 gr di riso integrale
250 gr piselli surgelati
250 gr di funghi
200 gr di zucca
2 bottiglie di passata di pomodori
2 carote
1 cipolla 
1 costa di sedano
qualche ciuffo di prezzemolo
pan grattato
pepe nero
olio evo
sale marino integrale

Non ho lessato il riso ma l'ho fatto andare con il doppio di acqua, insomma un riso pilaf molto al dente. Nel frattempo mi sono dedicata al ragù che è la parte forte del sartù. Ho tagliato le verdure a pezzettoni cominciando dalle carote, sedano, cipolle, aggiungendo poi i piselli e la zucca e per ultimo aggiungendo la passata di pomodori. A parte ho fatto andare i funghi puliti e affettati con uno spicchio di aglio, un pochino di olio e un pizzico di sale. Poi ho aggiunto al sugo i funghi e mi sono rilassata in attesa che il riso si asciugasse. Una volta che il riso ha assorbito tutta l'acqua restando ancora al tendissimo (per l'integrale pilaf ci vuole 3 volte di acqua io ne ho messo solo 2 parti) ho separato la parte liquida del sugo da quella composta di verdurine. 
 
 
 
Con la parte liquida ho condito il riso schiacciandolo poi in una teglia  precedentemente oliata e "pangrattata", premendo molto bene sul fondo e spingendo il riso sui lati. Insomma foderate la teglia con circa 3/4 di riso. Al centro ho versato le verdurine e ricoperto con il riso avanzato.


In ultimo aggiungete un pochino di sugo, pangrattato e infornate in forno caldo a 180 gradi per circa una quarantina di minuti.

Sfornate, tagliate a fette e servite con delle foglioline di prezzemolo e una cucchiaiata di sugo a parte.

E speriamo ritornino temperature normali...... VOGLIO LA PRIMAVERA......