mercoledì 9 luglio 2014

Una tira l'altra.....



Un antipasto per fare un figurone. Peggio delle ciliegie, fatene tanti perché non bastano mai!

Ingredienti per 4 (3 pomodorini a testa):
2/3 pomodorini a testa
1 mazzetto di basilico
1 mazzetto di prezzemolo
1 cipolla rossa di tropea
1 spicchio di aglio
2 manciate di capperi sotto aceto
2 manciate di olive verdi denocciolate
Pangrattato
Zenzero grattugiato
Olio evo
Succo di limone o lime
Buccia grattugiata di limone o lime
Peperoncino
Sale (poco, visti i capperi e le olive)

E’ una ricetta con la quale potrete decidere voi se farli come antipasti o invece farne di più e servirli con una verdura o un’insalatona come secondo. Sono semplici, gustosissimi, profumatissimi, golosi insomma…..
E anche veloci perché mentre si cuociono in forno potete fare altro. Prendete i pomodorini simil ciliegino e dopo averli lavati tagliate una calottina che terrete da parte per qualche altra preparazione, con un cucchiaino svuotateli e conservate il succo. Mettete del sale e capovolgeteli a perdere liquido. In un robottino mettete il prezzemolo (anche i gambi che sono buonissimi) togliendo le foglie più chiare perché renderebbero il composto amaro. Pulite il basilico e prendete le foglie. Aggiungete il basilico, la cipolla tagliata grossolanamente, l’aglio tagliato in due, lo zenzero sfilacciato e sbucciato e fata andare il robottino aggiungendo dell’olio. Al composto per ultimi aggiungete olive e capperi con succo di limone e buccia grattugiata. Se necessitate di maggior liquido potete aggiungere quello che avete svuotate dai pomodori stessi. Mettete il composto in una ciotola, aggiungete peperoncino e pangrattato, gustate per aggiustare di sale e riponete per un’oretta in frigo coperto di pellicola. In una teglia da forno adagiate della carta sempre da forno e cominciate a riempire i pomodorini con un cucchiaino. Il risultato è quello della foto.

Infornate a forno caldo (180 gradi) per circa una trentina di minuti. Quando vedrete che i pomodori si saranno cotti spegnete, lasciate intiepidire e poi portate in tavola. Sono buonissimi anche freddi.

Posta un commento