domenica 16 aprile 2017

Tortano o casatiello vegano ovviamente.....

 A Pasqua sulle tavole partenopee non manca mai il casatiello salato e/o il suo “cugino” Tortano.
A me piacevano molto quando ero onnivora e non vedo perchè devo rinunciarci ora che sono vegana. In fin dei conti sono due torte rustiche corpose e ricche, dei pani che hanno anche una forte simbologia cristiana. La loro forma ad anello rappresentano infatti la corona di spine del Crocifisso.
Sono rustici con un bel carattere deciso e quindi mi si addice..... 
 Il mio è più un tortano che un casatiello perchè non ci sono le classiche uova chiuse a croce, anzi non ci sono proprio le uova ma ho rispettato le altre caratteristiche
Questo rustico è un vero tripudio di sapori che secondo me ci potremmo concedere anche in altri momenti dell’anno.

Ingredienti:

600 gr di farina 0
400 ml di acqua tiepida
25 gr di lievito (una bustina per pizza)
125 gr di burro di soia (potete usare anche la margarina non idrogenata)
100 gr tra tofu affumicato e panna di soia
150-200 gr di affettato vegetale
100 gr di peperone rosso
1 manciata di olive nere denocciolate
1 manciata di pinoli
12 gr di sale
pepe come se piovesse!!!

Incominciate preparando la pasta del pane impastando la farina con 120 gr di burro di soia o margarina a temperatura ambiente, l'acqua tiepida ed il sale fino ad avere un impasto morbido ed elastico. Per l'acqua però vi dovete regolare in base alla farina che usate.  Qui di seguito mi vedete presa a tradimento mentre impastavo..... :D




Fate una palla con l'impasto e mettetelo a lievitare coperto e al calduccio..... circa per due ore.
Dedicatevi alla preparazione del ripieno. Eccovi il mio che era fatto di olive, peperone, tofu affumicato, salame vegano, polpettine sbriciolate, pinoli, sale e tanto pepe.





Dopo circa un paio di ore trasferite l'impasto su di un piano di lavoro leggermente infarinato, stendetelo con le mani formando un rettangolo e cospargetelo con il ripieno che avete preparato. Arrotolatelo, chiudendolo bene ai lati per non far uscire il composto e alla fine avrete una ciambella come questa che andrà messa in una tortiera imburrata e infarinata a dovere:

Il più è fatto, ora basta infornarla per circa 45/50 minuti a forno caldo, cottura a circa 200 gradi. Il risultato finale sarà questo:


Che dire? Credevo fosse più difficile ma invece mi sono divertita e il risultato è stato sorprendente anche per me..... Di nuovo buona Pasqua a tutti!!!!
Posta un commento